I nostri obiettivi

“Ma bisogna esercitarsi a vedere la bontà che c’è in ognuno, e aiutarli a scoprirla da se stessi, in se stessi. È questo che intendo io per amore…”                                                                                              (dal libro “Il gabbiano Jonathan Livingston” di Richard Bach)

Principali finalità dell’Associazione

1 – Svolgere attività di volontariato, in collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Meyer, con i bambini e i ragazzi in cura presso il reparto di oncoematologia e neuroncologia, e i loro familiari; sia presso la Ludoteca del reparto, che in ambienti protetti, al di fuori dell’ospedale, nei periodi di intervallo fra un ciclo e un altro di terapia. Lo scopo è quello, attraverso attività ludiche, manuali e musicali, di dare sostegno e aiuto ai piccoli e giovani malati e alle loro famiglie, attraverso la compagnia e l’amicizia.

2 – Donare ogni anno, ad almeno un bambino/a o ragazzo/a, in cura al Meyer, e alla sua famiglia, un pellegrinaggio a Lourdes in nome di Filippo: in ricordo del suo desiderio che non fu possibile realizzare. Perciò il pellegrinaggio viene donato a chi veramente desidera farlo.

3 – Sostenere ogni anno, con delle offerte, la missione de “La Sonrisa” in Bolivia, casa di accoglienza per donne e loro figli, che fuggono da realtà di povertà e di violenza. La Sonrisa è stato il “primo incontro” che è avvenuto grazie a Filippo, cercando qualcuno a cui dare le tante e generose offerte che furono fatte per lui, nei giorni del suo “transito” e del suo funerale.
http://www.aiutiterzomondo.org/bolivia.htm

4 – L’Associazione rimane aperta anche alle situazioni che la Provvidenza le farà incontrare, valutando di volta in volta la possibilità di intervenire.

Per poter realizzare le principali finalità appena elencate, l’Associazione organizza molte attività per la raccolta fondi, come feste, cene a tema, mercatini, aste di beneficenza, concerti, realizzazione di bomboniere per tutte le occasioni. Altrettanto, per realizzare la missione di portare a guardare la vita “con lo sguardo di Filippo”, organizza attività  educativo-ricreative, quali concerti, giochi, manifestazioni sportive, feste; attività creative-manuali, come laboratori e corsi con varie tecniche; attività socio-culturali, come cineforum, visite a città e musei, pellegrinaggi, incontri e dibattiti.

Aggiornamento anno 2016 (dall’Assemblea Ordinaria del 16 marzo 2016)
Piccolo resoconto delle attività svolte e in programma

Punto 1 –  programmi per l’anno 2016.

In questo nuovo anno l’Associazione sta crescendo e stiamo  compiendo le tappe per raggiungere i vari obiettivi, che ci siamo posti come “mission”, alla sua costituzione.
E’ già stato fatto il primo per-corso di formazione per volontari, che si è concluso il 17 febbraio (con grande soddisfazione dei partecipanti) e il 31 marzo ne è iniziato un altro; ci stiamo muovendo per poter iniziare il nostro volontariato con i bambini/ragazzi e le famiglie del Meyer: è stata scritta una mail alla responsabile del reparto di oncoematologia e ci dobbiamo incontrare con Lucia, l’operatrice di Casa Benelli che è venuta anche a farci un incontro del corso, per individuare qualche iniziativa possibile proprio con le famiglie di Casa Benelli.

Il nostro obiettivo con i piccoli e giovani pazienti del Meyer e le loro famiglie, è quello di instaurare con loro un rapporto di Amicizia ed essere per loro un “gancio” al quale appigliarsi nel momento difficile che vivono. Faremo iniziative presso la piccola ludoteca del reparto di oncoematologia: musica, gioco, letture, piccoli spettacoli, laboratori di attività manuali…ma anche semplice presenza disponibile all’ascolto e al dialogo; la stessa cosa, anche ampliata (per esempio facendo feste…) la faremo all’esterno dell’ospedale, dove forse è ancora più necessaria perché le famiglie, che vengono da lontano, si ritrovano sole lontano da casa, da parenti e amici ed è vitale per loro poter contare su dei rapporti di amicizia vera, più che di volontari semplicemente, come di solito sono intesi.  Ci piacerebbe poter trovare un loco a disposizione proprio dell’associazione, per poter realizzare tutto questo, anche al di fuori delle case dove queste famiglie sono accolte.

Punto 2 –  Proposte di eventi da realizzare (spettacoli, concerti, sport)
Queste sono le iniziative che vorremmo realizzare prossimamente, alcune delle quali potrebbero diventare un appuntamento annuale:

ci sono contatti con la Compagnia Fiaba Junior (Teatro La Fiaba, Isolotto) e vorremmo combinare la replica di un musical su don Milani che stanno preparando e che debutterà il 12 aprile;
con il coro “I Cantori Marco da Gagliano” si realizzerà una collaborazione per fare concerti per la raccolta fondi a favore delle iniziative dell’Associazione, in particolare riguardo al sostegno della Piccola Casa-Famiglia Feni;
concerto di musica classica abbinato a letture, come la vita di santi o testimoni della Fede, o letture di racconti o poesie.
in progetto già da molto c’è la realizzazione di un concerto rock, con musiche e  canzoni preferite di Filippo ma non solo, con la partecipazione del gruppo di uno dei suoi migliori amici, con il quale ha anche suonato;
uno spettacolo teatrale, trovando la Compagnia giusta, potrebbe essere uno degli eventi da realizzare annualmente;
3° Torneo di basket Filippo Flamini sarà organizzato dalla Società della Freccia Azzurra, fra fine settembre/inizio ottobre e vorremmo farlo diventare, con la collaborazione della Società, un’occasione da utilizzare per far conoscere l’Associazione e contribuire alla raccolta fondi;
ogni anno il C.S.I. (Centro Sportivo Italiano) organizza tornei di calcetto, come la Junior Tim Cup; è stato proposto di presentare  questa possibilità ai ragazzi quando viene fatta l’iscrizione al catechismo.
Punto 3 – Pellegrinaggio a Collevalenza nell’anno giubilare della Misericordia.
Lo faremo come pellegrinaggio parrocchiale, prima della ripresa del nuovo anno “scolastico”; possibili date sono sabato 17 o 24 settembre.
E’ stato pensato questo pellegrinaggio in occasione di questo anno particolare, perché c’è un legame particolare con Filippo: Collevalenza è stato il suo ultimo pellegrinaggio, fatto solo sei giorni prima della sua morte, con il rinnovo delle promesse battesimali, il bagno nelle piscine, l’ultima messa e l’ultima comunione.

Punto 4 –  Progetto “Piccola Casa Famiglia”. Abbiamo conosciuto la famiglia Feni tramite amici, pochi giorni prima di Natale, con una urgenza immediata: la scadenza di una cambiale piuttosto cospicua, ultima rata per l’acquisto del trattore per l’Azienda agricola della Casa Famiglia. In collaborazione con questi amici abbiamo in pochi giorni raccolto le offerte necessarie per coprire tutta la spesa: la Provvidenza ha fatto il dono più grande di Natale! La Piccola Casa Famiglia è compresa in un progetto più grande, la “Piccola Opera Santa Maria alla Divina Misericordia”: un progetto di casa famiglia e casa di accoglienza per madri in difficoltà, che verrà realizzato con l’ampliamento di edifici già esistenti che saranno acquisiti, dei quali fa parte anche una piccola chiesa; la casa famiglia ha già ottenuto il riconoscimento dei requisiti da parte della U.s.l. di Arezzo. E’ stata messa al voto ed approvata dall’assemblea ordinaria del 2016 (svoltasi il 16 marzo) la proposta di sostenere e accompagnare questo progetto.

Punto 5 –  Possibili percorsi di volontariato a vari livelli. all’interno dell’Associazione si possono assumere vari impegni volontari: dall’organizzare eventi, come cene, feste, spettacoli, mercatini, alla realizzazione di oggetti, bomboniere, pellegrinaggi; alla preparazione e realizzazione di momenti di incontro e condivisione con i ragazzi e le famiglie del reparto di oncoematologia del Meyer (attraverso il gioco, la magia e il gioco di prestigio, piccoli laboratori manuali, letterari e musicali…)
Fra le iniziative proposte all’assemblea dei soci ed approvate, c’è quella di cercare una collaborazione con il Cinema Grotta, il cui proprietario è molto sensibile a certe tematiche (grazie alla sua disponibilità fu possibile portare Filippo, con tanti amici e familiari, un pomeriggio al cinema nove giorni prima della sua “partenza”, con un’intera sala a disposizione!),  per organizzare periodicamente la visione di un film al cinema.

Aggiornamento anno 2017
(dall’Assemblea Ordinaria del 29 aprile 2017)
Piccolo resoconto delle attività svolte e in programma